Home Missione MISSIONE 2009 L'ARTE ABORIGENA A PALM ISLAND
L'ARTE ABORIGENA A PALM ISLAND PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria van Galen, fmm   

arte aborigenaAUSTRALIA  L’arte aborigena (pitture dei popoli indigeni dell’Australia) ha attirato l’attenzione del mondo. E’ antico e moderno ad un tempo. E’ notevole per la bella armonia e l’equilibrio dei colori. Soprattutto si può scoprire lo Spirito del Mistero nel rappresentare sofisticato della terra, degli animali, della tradizione e dei sogni.
Ero bambina quando vidi per la prima volta una pittura aborigena,

e da allora non ho mai cessato di interessarmi. Non avrei mai immaginato che un giorno avrei lavorato con questi artisti. Ne ho avuto l’occasione venendo a Palm Island.

Palm Island si trova vicino a Queensland Nord, vicino a Townsville. Questa bellissima isola è abitata da 4000 aborigeni, circa, che fanno parte di 50 tribù. La maggior parte dei loro antenati, sono venuti qui come prigionieri, altri facevano parte della < generazione rubata > (bambini presi dal Governo senza consenso dei genitori), oppure sono venuti dall’Isola Fantasma che è vicina, quando è stato chiuso il lebbrosario.
Tutti avevano perdutola loro terra, cultura e lingua, e ne provano un grande risentimento ancor oggi. Tutto ciò ha formato una popolazione originale e un po’ perturbata, molti problemi di salute e di relazioni ed una profonda diffidenza dei < bianchi >.

arte aborigenaHo preso tempo per osservare, ascoltare, formare relazioni di fiducia, e scoprire gli artisti tra la gente della nostra parrocchia. Grazie ai 60 anni, durante i quali le nostre sorelle hanno insegnato e curato la popolazione, i cattolici ci accettano pienamente e ci danno veramente fiducia. Non è troppo facile, per chi possedendo uno spirito logico e pratico, di aprirsi ai valori della nostra popolazione locale. A mia grande sorpresa, però, sono stata immediatamente attirata da questo popolo bello e sensibile, di cui prevedevo il mistero ed anche il talento di molti tra di loro. So per esperienza che, nell’arte, si esprime qualcosa di se stesso nel più profondo. E’ una ricerca di verità, di senso, di Dio nelle diverse maniere con le quali vuole manifestarsi al popolo.

Per la vera arte aborigena, io intravedo una manifestazione di Dio, che allo stesso tempo attira ed è misteriosa per chi l’osserva come per chi l’ esprime. Ho dato loro qualche croce in legno di diverse misure, della pittura e dei pennelli, ho chiesto loro di dipingere le croci. Il risultato è magnifico, affascinante per l’espressione simbolica di luce e tenebre, gioia e timore, vita e morte. Il mio sogno era di entrare in contatto con questo speciale talento e di sostenere gli artisti, trovando il mezzo di gestire una Cooperativa artistica, che potrebbe procurare una riuscita per il loro lavoro, dato che c’è poca possibilità di impiego sull’isola, e a causa della noia inveterata, c’è la pratica dell’alcolismo e della violenza.

Dopo tre anni circa, non sapevo ancora come agire, poi si è presentata un’occasione quando abbiamo inteso che la Giornata Mondiale della Gioventù per la croce e le iconi ( World Youth Day Cross and Icon) sarebbe stata a Palm Island. Gli anziani erano d’avviso che, dipingere croci su legno, in questa occasione, sarebbe stata una buona idea. Getty Massey, un anziano della nostra parrocchia, mi ha aiutato a fare una lista degli artisti dell’isola. Ho dunque preso contatto con ognuno di questi parlando loro del progetto. Ho dato loro qualche croce di legno di diverse misure, della pittura e pennelli, e ho chiesto loro di dipingere queste croci. Il risultato fu magnifico, affascinante per l’espressione simbolica di luce e tenebre, gioia e timore, vita e morte.

croceUn giorno meraviglioso di settembre 2007, alla presenza e la partecipazione di tutta la popolazione, abbiamo tenuto una grande esposizione e venduto molte croci. Insieme agli anziani della parrocchia abbiamo allora deciso che sarebbe stata buona cosa continuare questa attività creativa, trovando una possibilità per la vendita. Con i soldi di questa prima vendita abbiamo comprato forniture e pagato Alyn Daily perché intagliasse delle croci nel compensato con iniziali ispirate al CDEP (Programma di Educazione comunitaria) nel laboratorio che è situato dietro la nostra chiesa.

Le croci sono intagliate e dipinte in preparazione del lavoro degli artisti. Possiamo sempre contare su qualche fedele artista per continuare il lavoro e abbiamo ancora maggiori richieste, soprattutto per le classi delle diverse scuole e parrocchie della Diocesi. Certi artisti vendono il loro lavoro privatamente, ma sono generalmente mal pagati. Daniel Romaine, un agente del governo, si è interessato al nostro lavoro. E’ aborigeno ed artista lui stesso, e attualmente procura dei motivi di lavoro per i nostri artisti, così pure come la possibilità di acquistare del buon materiale e di aver accesso all’Internet per la vendita.

arte aborigenaAttualmente lavorano nell’ambiente che è dietro la nostra chiesa, e tutto questo procura occupazione a molti uomini, dando anche un senso alla loro vita, ciò che riduce il pericolo della violenza. E’ solo una goccia d’acqua nell’oceano, ma questo mi da l’occasione di essere vicina a loro, di imparare qualcosa da questa gente così fortemente dotata., vicina ai loro sogni e sistemi di valori così diversi. Spero che ci sarà pure uno scambio di bontà e di pietà tra di noi, malgrado le diversità dei nostri contesti.

Maria van Galen, fmm

 

 
 
FMM sito ufficiale
 10 visitatori online

fmm player

CANTICO DELLE CREATURE