Home Articoli DAL GIORNALE DELLA PROVINCIA (2008) SOLIDARIETA’ CON I NOSTRI FRATELLI “BUNUN”
SOLIDARIETA’ CON I NOSTRI FRATELLI “BUNUN” PDF Stampa E-mail
Scritto da Teresa Teng Huei Chung, fmm   

FMM TAIWANTAIWAN Attraverso la catena montuosa centrale di Taiwan vivono i “Bunun”, una tribù aborigena, famosi per la loro stupefacente armonia canora (fino a otto voci). La loro ricca cultura include leggende con un insegnamento morale, un calendario con disegni simbolici, l’elaborazione di vini, la tessitura, la caccia, la costruzione delle case tradizionali di pietra piatta e la celebrazione di riti speciali. La presenza delle FMM tra i Bunun continua,

ma è sempre in evoluzione. Nel 1955, i sacerdoti Maryknoll sono arrivati a Tili, luogo dove si riuniscono i Bunun, nel centro di Taiwan. Hanno parlato di Gesù a questa gente, e li hanno aiutati a migliorare le condizioni basiche della loro vita, mediante lo sviluppo dell’agricoltura e dell’allevamento. Più tardi, nel 1967, i padri Maryknoll hanno invitato le FMM per essere aiutati nella missione, con l’apertura di un dispensario per gli ammalati, una sala parto per le donne imbarazzate ed un dormitorio per la scuola.

Le suore hanno imparato la lingua Bunun, hanno camminato molto per raggiungere le diverse zone per fare gli incontri di catechesi; si sono fermate spesso a passare la notte tra questa gente, rincasando il giorno dopo. Nel 1976, le suore hanno iniziato un corso di due anni di formazione religiosa per i laici, con la finalità di poter collaborare nelle attività della missione. Dopo il corso, questi laici erano in grado di animare la preghiera, i ritiri e i campi estivi per i bambini (adesso il corso non si fa più).

Nel 1999 un terremoto e nel 2002 un uragano, hanno devastato Tili. Molte persone hanno perso le loro famiglie, le case e altre cose. Le nostre sorelle hanno cercato di consolarli nella loro tristezza, ascoltandoli, rimanendogli accanto e pregando insieme. Li hanno anche aiutati a ricostruire le loro case e a coltivare delle erbe per guadagnarsi da vivere.

Oggigiorno, le suore continuano ad essere solidarie con queste persone emarginate. Per il loro stile di vita, la loro povera formazione, l’alcool e altre dipendenze, hanno una bassa autostima ed altri problemi familiari. Nel passato, per circa trent’anni, la maggior parte dei religiosi che hanno lavorato con loro, hanno offerto aiuti materiali, come alimenti, vestiti, case, ecc.

Adesso, l’aspetto materiale della vita è migliorato, ma il loro spirito è influenzato dalla società moderna. In questo modo, acquisiscono una certa soddisfazione e realizzazione, però stanno perdendo i loro valori culturali, per esempio, l’unione con la creazione e la terra, la relazione con la famiglia, ecc. Oggi, abbiamo bisogno di cambiare le nostre dinamiche missionarie, dobbiamo svegliare questo spirito interiore già esistente in essi, in particolare quello dei giovani indigeni che sono i più vulnerabili.

La nostra preoccupazione, il nucleo della nostra visione, la nostra missione e la nostra presenza qui è: come aiutarli a crescere nella loro dignità e nella loro fede, perché abbiano un futuro sostenibile? Abbiamo cercato un approccio pratico: suor Patricia ha una coltivazione di erbe e, da dopo il terremoto del 1999, assume le donne aborigene locali come lavoratrici, in questo modo hanno un ingresso stabile. La cosa più importante è che ascolta le loro difficoltà della vita quotidiana e le aiuta, se è necessario.

 Si occupa anche di animare la preghiera per coloro che soffrono. Suor Helene, che parla Bunun, visita gli anziani e gli ammalati, li consola nel loro dolore. Aiuta anche a formare il coro e prepara delle belle liturgie nei giorni di festa. La domenica le suore più giovani si prendono cura dei bambini nella scuola domenicale e svolgono le riunioni con i giovani. C’è bisogno di tempo per vedere il frutto del nostro lavoro, ma seminiamo il nostro seme e sappiamo, per la fede, che Dio lo farà crescere. Con fede in Dio continuiamo a stare con i Burun, in solidarietà, dando testimonianza dell’amore e dell’opera di Dio.

Teresa Teng Huei Chung, fmm

 

 
 
FMM sito ufficiale
 9 visitatori online

fmm player

CANTICO DELLE CREATURE